Qatar – L'assolutismo del XXI.mo secolo

Home » Libro » Qatar: il fondo per le periferie sarà molto più grande del previsto

Qatar: il fondo per le periferie sarà molto più grande del previsto

Categories

Battaglia per il Donbass

Battaglia per il Donbass

Il Primo Raggio

Heartland

Heartland. Energia e Politica nell'Eurasia del XXI secolo

Songun

Songun. Antimperialismo e Identità nazionale nella Corea socialista

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Intrigo contro la Siria

Intrigo contro la Siria. La Siria baathista tra geopolitica, imperialismo e terrorismo, 2011-2012

La Grande Muraglia

La Grande Muraglia. Pensiero Politico, Territorio e Strategia della Cina Popolare

I fondi del Qatar destinati alle periferie, annunciato per 100.000.000 di euro, sarà di 1 miliardo.
Atlantico 25 settembre 2012

1140698334L’investimento iniziale era di 50.000.000 di euro. La somma di 100.000.000 di euro è stata poi discussa. Ma in ultima analisi il Qatar investirà un miliardo nelle periferie povere francesi. L’informazione è stata confermata su I-TV, da Fleur Pellerin, ministro delle PMI, l’innovazione e l’economia digitale.
Il ministro della Ripresa produttiva, Arnaud Montebourg, ha approvato la scorsa settimana la creazione di questo fondo del Qatar per i quartieri svantaggiati. Ma a differenza del progetto originale, sarà esteso a tutte le “aree povere francesi”, rurali e urbane. Per un certo tempo, Arnaud Montebourg aveva suggerito che i fondi non finissero alle periferie, ma alle PMI francesi. Inoltre, lo Stato avrà una quota del capitale del fondo, per garantire un minimo di controllo. Resta da vedere quanto sarà questa partecipazione. Secondo il Vicepresidente della Aneld, citato da Atlantico, i fondi saranno diviso 50/50 tra il Qatar e la Francia. A sua volta, il comunicato dice che il governo francese sarà in minoranza.
La creazione di questo fondo d’investimento è stata annunciata alla fine del 2011 dall’ambasciatore dell’emirato a Parigi, dopo una visita nei ricchi Stati del Golfo Persico dei rappresentanti dell’Aneld (Associazione Nazionale degli enti locali eletti per la diversità). L’iniziativa è stata rinviata prima delle elezioni in Francia, al fine di evitarne la strumentalizzazione politica. Ha soprattutto suscitato le proteste dalla destra estrema, che teme l'”islamizzazione” delle periferie. “Lasciate che un Paese straniero scelga i suoi investimenti in base alla religione“, ha ironizzato anche la presidente del Fronte nazionale, Marine Le Pen.
I difensori dei fondi si sentono “contenuti ma vigili” dopo l’annuncio di Arnaud Montebourg. Per il momento nessuna scadenza è stata impostata. “Nessun calendario è stato impostato, si rammarica il Vicepresidente della Aneld. Ho chiarito al ministro che c’è un’aspettativa molto alta, è urgente istituire questo fondo, e non si può non fissare una data.”

Per saperne di più Atlantico

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Advertisements

1 Comment

  1. […] Qatar: il fondo per le periferie sarà molto più grande del previsto (Atlantico via Qatarbook, 25 settembre 2012 / 3 febbraio 2013): […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: