Qatar – L'assolutismo del XXI.mo secolo

Home » Libro » Il Qatar spende miliardi in Siria, e paga 50.000 dollari ogni dissidente

Il Qatar spende miliardi in Siria, e paga 50.000 dollari ogni dissidente

Categories

Battaglia per il Donbass

Battaglia per il Donbass

Il Primo Raggio

Heartland

Heartland. Energia e Politica nell'Eurasia del XXI secolo

Songun

Songun. Antimperialismo e Identità nazionale nella Corea socialista

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Intrigo contro la Siria

Intrigo contro la Siria. La Siria baathista tra geopolitica, imperialismo e terrorismo, 2011-2012

La Grande Muraglia

La Grande Muraglia. Pensiero Politico, Territorio e Strategia della Cina Popolare

al-Manar TV 18 maggio 2013

386618Il quotidiano britannico Financial Times ha pubblicato un’indagine dal titolo “Il Qatar ha speso miliardi di dollari negli ultimi due anni per finanziare l’opposizione siriana.” “Il Qatar ha speso circa tre miliardi di dollari negli ultimi due anni per sostenere l’opposizione in Siria, superando di gran lunga gli aiuti forniti da qualsiasi altro governo. Tuttavia, l’Arabia Saudita concorre negli organismi che riforniscono di armi l’opposizione siriana” dice il giornale. “Il costo dell’intervento del Qatar in Siria, l’ultima fatica del ricco emirato nel sostenere la “rivoluzione araba”, rappresenta solo una piccola parte dell’investimento internazionale del Qatar”, ha aggiunto.
FT ha indicato che il sostegno del Qatar all’opposizione siriana, che ha portato a una situazione di guerra civile devastante, travolge il sostegno occidentale. Il quotidiano britannico ha anche osservato che, durante decine di interviste con i leader dell’opposizione militante in patria e all’estero, insieme ad alti funzionari occidentali e regionali, ognuno ha sottolineato il crescente ruolo del Qatar nella crisi siriana, e ciò è diventata una questione controversa. Il documento ha sottolineato che “il piccolo Stato dal grande appetito” è il più grande donatore di aiuti all’opposizione politica siriana, offrendo generose borse di studio ai dissidenti, pari a cinquantamila dollari l’anno, ai dissidenti e famiglia, secondo alcune stime.
Fonti vicine al governo del Qatar hanno detto a FT che la spesa totale per la crisi siriana ha raggiunto i 3 miliardi di dollari, mentre l’opposizione armata e fonti diplomatiche hanno detto che l’importo del contributo del Qatar ha raggiunto un miliardo di dollari, al massimo. “Secondo l’Istituto per la ricerca sulla pace di Stoccolma che segue le consegne di armi all’opposizione siriana“, aggiunge il giornale, “Il Qatar è il più grande esportatore di armi in Siria, dove ha finanziato più di 70 voli cargo di armi verso la vicina Turchia, tra aprile 2012 e marzo 2013.”
Il giornale ritiene che, nonostante l’interesse utilitaristico dietro intervento del Qatar, l’emirato arabo sia bloccato dalla polarizzazione politica nella regione. “Il supporto del Qatar ai gruppi islamici nei Paesi arabi, gli mette contro gli altri Stati del Golfo e provoca la competizione con l’Arabia Saudita“, conclude il Financial Times.

Traduzione di Alessandro Lattanzio SitoAuroraAuroraSito

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: