Qatar – L'assolutismo del XXI.mo secolo

Home » Libro » Gli Stati Uniti hanno messo l’emiro del Qatar in pensione

Gli Stati Uniti hanno messo l’emiro del Qatar in pensione

Categories

Battaglia per il Donbass

Battaglia per il Donbass

Il Primo Raggio

Heartland

Heartland. Energia e Politica nell'Eurasia del XXI secolo

Songun

Songun. Antimperialismo e Identità nazionale nella Corea socialista

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Intrigo contro la Siria

Intrigo contro la Siria. La Siria baathista tra geopolitica, imperialismo e terrorismo, 2011-2012

La Grande Muraglia

La Grande Muraglia. Pensiero Politico, Territorio e Strategia della Cina Popolare

R. Mahmudi, Algerie Patriotique, 8 giugno 2013

emir-of-qatar-flies-to-washington-for-president-obama-meet-img-146891Secondo fonti attendibili, l’emiro del Qatar, Hamad bin Khalifa al-Thani, si appresta a passare il testimone a Tamim, l’influente figlio preferito di sheikha Moza. Sembra che il ricco principe non abbia più il favore dei suoi sponsor statunitensi che non apprezzano, da qualche tempo, l’incoscienza e l’avidità del loro alleato, desiderando un partner più adatto alla nuova situazione. Al potere dal 1995, dopo un colpo di stato contro il proprio padre, Hamad bin Khalifa al-Thani è riuscito a fare del suo piccolo emirato uno dei più influenti attori regionali grazie ai proventi del gas (60 miliardi dollari di investimenti investimenti diretti all’estero per il 2012), permettendogli non solo di soppiantare l’Arabia Saudita e l’Egitto sul fronte diplomatico, mettendo le mani sulla Lega Araba, ma anche di porsi come guida e mentore delle rivolte popolari in diversi Paesi arabi. Ora scopre che il fallimento in Siria e la cattiva situazione in cui si trovano tutti i Paesi che hanno sperimentato il cambiamento di regime, Tunisia, Libia ed Egitto giocano contro di lui.
Gli Stati Uniti, che fin dall’inizio hanno sostenuto la “primavera araba”, ora cercano di stabilizzare il mondo arabo per evitare danni ai loro interessi nella regione e alla sicurezza di Israele. 33enne diplomato alla Royal Military Academy di Sandhurst di Londra, Tamim bin Hamad viene presentato come un principe moderno e “degno”. Ha gradualmente preso le principali leve del potere politico ed economico; dalla sua investitura come erede al trono nel 2003 presiede sia il consiglio di amministrazione delle Holding del Qatar che il Comitato Olimpico del Qatar, che prepara la Coppa del Mondo 2022. Si dice sia freddo verso il potente primo ministro Hassan bin Jassim, ma dovrà fare i conti con lui per garantirsi la continuità, come molti osservatori informati credono.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: