Qatar – L'assolutismo del XXI.mo secolo

Home » Libro » QATAR: quando al-Qaradawi chiese l’esecuzione del principe ereditario

QATAR: quando al-Qaradawi chiese l’esecuzione del principe ereditario

Categories

Battaglia per il Donbass

Battaglia per il Donbass

Il Primo Raggio

Heartland

Heartland. Energia e Politica nell'Eurasia del XXI secolo

Songun

Songun. Antimperialismo e Identità nazionale nella Corea socialista

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Libia: Campo di battaglia tra Occidente e Eurasia

Intrigo contro la Siria

Intrigo contro la Siria. La Siria baathista tra geopolitica, imperialismo e terrorismo, 2011-2012

La Grande Muraglia

La Grande Muraglia. Pensiero Politico, Territorio e Strategia della Cina Popolare

Allain Jules 28 giugno 2013

947165DOHA, Qatar – La vita dell’imam radicale Yusuf al-Qaradawi rischia di finire a coda di topo in Qatar. Naturalizzato, questo egiziano probabilmente perderà la nazionalità del Qatar come abbiamo detto in un precedente post. Molti fattori contribuiscono a far valere queste affermazioni, soprattutto quando il principe ereditario, ora diventato emiro, era sospettato di essere gay.
Siamo nel 2005 e il principe ereditario Tamim bin Hamad al-Thani, l’attuale emiro, allora 25enne, fu avvistato in un popolare locale notturno gay a Londra, assieme al suo presunto compagno, un giovane inglese di nome Michael Heard. Quel giorno, si ebbe una rissa e gli avventori furono interdetti dal locale per un mese, tra cui l’attuale emiro del Qatar. È allora che la notizia, come un incendio, si diffuse in tutto il Medio Oriente. Yusuf al-Qaradawi attaccò il principe ereditario e attuale emiro del Qatar, con una violenza senza precedenti. Fiducioso della buona grazia dell’ex-emiro, disse: “Gli studiosi dell’Islam come Maliq, al-Shafi, Ahmad e Ishaq, ritengono che qualsiasi persona colpevole del reato di omosessualità, dovrebbe essere lapidata, sposata o celibe che sia“.
Lo schock venne ripreso da al-Jazeera e il piccolo Paese di cammellieri ne fu intontito. Ma Yusuf al-Qaradawi, quasi accusato di crimine, fu ancora una volta salvato dal padre dell’attuale emiro, lo sceicco Hamad bin Khalifa al-Thani, mentre la moglie e il figlio ne volevano la caduta in disgrazia.  Questa volta, ha mano libera, il nuovo emiro, lo sceicco Tamim bin Hamad al-Thani, avendo già licenziato lo zio Primo ministro e il ministro degli Esteri, lo sceicco Hamad bin Jassim al-Thani, che rimane presidente del consiglio della Qatar Investment Authority (QIA).
Devo ammettere che con questi primi passi, il destino del tribuno dell’odio sembra segnato rapidamente. Ritornando in Egitto, perderà prebende e la visibilità su al-Jazeera. Così finiscono i pazzi e gli impostori. Ma ancora, nulla è deciso …

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAuroraAuroraSito

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: